Cultura e creatività: in Umbria 2.790 imprese, 8 mila posti di lavoro

NewTuscia Umbria – TERNI – L’Umbria si prepara a ripartire. E riparte anche la cultura con i musei e tutti i grandi contenitori d’arte che apriranno al pubblico. E poi tutto il resto del sistema culturale e creativo chiuso per lockdown da oltre un anno.

Un sistema che nel 2020 “ha retto” rispetto all’anno precedente e offre lavoro in Umbria a quasi 8mila persone.

Le imprese di questo sistema (che include biblioteche, musei, archivi teatri e altre attività culturali, ma anche spettacolo dal vivo,  editoria, musica, produzioni video e fotografia, attività di design…) sono al centro di un approfondimento condotto dalla Camera di Commercio dell’Umbria che accende i riflettori su uno dei settori che, anche a causa del distanziamento, ha sofferto di più le conseguenze causate dalla pandemia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *