La Cgil di Terni lancia una ricerca sulle condizioni degli anziani in provincia

L’iniziativa presentata all’interno dell’assemblea organizzativa della Cgil di Terni: l’obiettivo è conoscere i bisogni per ridurre le disuguaglianza
NewTuscia – TERNI – Riceviamo e pubblichiamo. Conoscere a fondo le condizione degli anziani nella provincia di Terni per elaborare richieste e istanze fondate su dati e analisi specifici: è l’obiettivo della ricerca “Le condizioni di vita degli anziani nel Ternano” che è stata presentata oggi all’interno dell’assemblea organizzativa della Cgil di Terni, in corso di svolgimento ad Amelia. Una ricerca che partirà nelle prossime settimane ed analizzerà, attraverso la somministrazione di un questionario, un campione di 1000 iscritte e iscritti allo Spi Cgil (età 60-79 anni) nella provincia di Terni. Le aree di analisi andranno dal reddito e disagio economico al contesto abitativo, dalle relazioni sociali e tempo libero, alla sicurezza (in senso ampio), fino alle condizioni di salute, al rapporto con il welfare e all’esperienza specifica vissuta con il Covid-19. La ricerca sarà curata da Ugo Carlone, docente di Programmazione delle Politiche Sociali allʼUniversità di Perugia.
“Questo è uno degli strumenti che intendiamo mettere in campo per rilanciare l’azione sindacale sul territorio, accanto alla nostra attività contrattuale e vertenziale rivolta al mondo del lavoro – ha spiegato Claudio Cipolla, segretario generale della Cgil di Terni – L’obiettivo è quello di approfondire la conoscenza delle dinamiche sociali, delle disuguaglianze presenti sul nostro territorio, per combatterle con proposte concrete e, se necessario, azioni di mobilitazione. Per esercitare quindi appieno il nostro ruolo di contrattazione territoriale e sociale, dato che lavoratrici e lavoratori sono prima di tutto cittadini di questa comunità”.
All’assemblea organizzativa del sindacato ternano hanno preso parte, tra gli altri, il segretario generale della Cgil dell’Umbria, Vincenzo Sgalla, e Riccardo Sanna, Capo Area Politiche di sviluppo della Cgil nazionale. “Questo appuntamento – conclude Cipolla – è un’occasione di riflessione straordinaria per la nostra organizzazione per mettere in campo modalità e prassi nuove, che siano sempre più rispondenti all’esigenza di capillarità nel territorio e vicinanza nei luoghi di lavoro, per rappresentare al meglio bisogni e necessità delle persone, che si sono modificati in una fase estremamente complessa come quella attuale”.
Cgil Umbria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *